Manuela Lombardi Borgia, Business Designer & Startup Mentor e co-fondatrice del progetto Curved Wood, dedicato agli arredi d’epoca in legno curvato a vapore

La tua nuova avventura? A cosa ti ispiri? 

Quando dopo più di 25 anni trascorsi in aziende multinazionali, l’ultima delle quali in Olivetti, decisi che era giunto il momento di “uscire” dalla mia passione e cercare di trasformarla in un progetto imprenditoriale. Da qui è nato un libro, scritto con il mio collega architetto, dedicato all’Azienda Antonio Volpe di Udine che ha dato vita al design italiano nell’arredamento, frutto di anni di ricerca. Poi il blog Legnocurvatodesign.it nasce su arredi in stile Thonet che ci hanno stimolato a realizzare una mostra La poltrona moderna, al Credito Valtellinese Refettorio delle Stelline Group Gallery di Milano durante il Fuorisalone 2018. Un’esperienza emozionante e memorabile, perfetta chiusura di un progetto che continuo ad amare molto.

Le ragioni per essere vicini a questo mondo con l’interesse e la determinazione di creare una realtà particolare 

La scelta è caduta sulla sedia Thonet n.14 che volevo per la mia nuova casa: l’ho sempre amata, era la sedia di mia nonna. Non solo è bella, ma ricordo che quando è caduta, è rimbalzata. Non sapevo fosse l’archetipo della sedia di design, un’icona di legno curvato. Incontrai così il mio compagno Giovanni Renzi, esperto di questi arredi, e mi si aprì un mondo: quello di Vienna a cavallo tra la fine dell’Ottocento e i primi del Novecento, un’epoca di svolta e di profondo rinnovamento in tutte le arti e le discipline, culla della modernità. Anche nel modo di fare impresa: in questo contesto, con questi arredi, nasce la produzione in serie con l’obiettivo di portare bellezza nelle case di tutti. Una visione democratica e aperta in cui mi sono subito riconosciuto. E poi di grande bellezza in tutte le arti e le discipline. Si può dire che tutto è iniziato da qui, un’era rivoluzionaria che ha segnato per sempre ciò che è seguito, dai maestri del Bauhaus ai giorni nostri, a cui tutti si sono ispirati.

Elementi essenziali ed elementi importanti che contraddicono il tuo lavoro? 

Esplorare e cercare di andare oltre il conosciuto, superare i limiti. Il grande motore per me è la curiosità, la contaminazione, la multidisciplinarietà. È ai margini, al confine tra il conosciuto e il diverso, che si trovano i semi dell’innovazione, che è quello con cui ho a che fare. Il pensiero divergente, la creatività, attinge al nostro pozzo interiore che deve essere costantemente nutrito. La creatività si nutre di immagini, forme, colori, divertimento, arte, sperimentazione. Cerco la gioia in quello che faccio, senza gioia e piacere non c’è sapore o vita. Il rischio per me è la dispersione, per questo ho fatto della pianificazione il cuore del mio lavoro: senza perdere la direzione, mi sarei perso in chissà quale terra desolata, e non avrei potuto realizzare i miei sogni e continuare a farlo.

Alcuni aspetti della tua esperienza, fatti di preziosità e piccole cose

Uno dei ricordi più belli che ho è certamente legato all’Olivetti: ricordo che quando abbiamo fatto gli incontri nel Consiglio di Amministrazione al 6º piano, a Palazzo Uffici di Ivrea, mi sono sempre seduto sul lato opposto alla parete, di fronte alle finestre. Su quella parete c’erano due dipinti di Mirò che facevano parte della collezione Olivetti con cui le pareti dell’intero edificio erano piene. Ma quelli in particolare mi eccitavano ogni volta. E naturalmente mi aiutavano a dare il mio meglio. Questo è il bello.

Il colore è fondamentale per…

per dare un senso alle cose, per dare forma alla sostanza che se fosse libera, non esisterebbe.

Quello a cui non potevi rinunciare

Il blu è il mio colore, quello in cui mi riconosco di più. Quello delle galassie e dei mondi ancora inesplorati, delle profondità del mare. Lo indosso spesso perché mi fa stare bene. E poi il rosso, ma solo nei dettagli. Mi piace come accende le anime, la sua energia e senza passione non si costruisce nulla.

Che cosa non ti piace

Realmente li gradisco tutti. Che cosa è fondamentale per me è l’armonia del tutto. Una tavolozza disharmonious è insopportabile a me. Se devo dirlo, non mi piacciono molto i colori pastello perché amo i contrasti. E forse perché sono molto cattivi per me.

Sei un fan di…(design, arte, personaggi femminili)

 Direi tutto design, in particolare la grafica di Koloman Moser e Josef Hoffmann e tutta la produzione Wiener Werkstätte. Adoro il Judendstil, la sua teatralità e il lusso, ma anche il rigore minimalista del geometrico bianco e nero di Hoffmann. Sono appassionato delle cartoline di Mela Koehler, il mood viennese. Adoro i suoi musei, le alte finestre degli edifici. Adoro le librerie Mak e Leopold. E poi amo moltissimo tutte le figure femminili rivoluzionarie che hanno avuto il coraggio di infrangere le regole a cui tutti noi dobbiamo molto. Da Dora Kallmus, alias Madame D’Ora, a Coco Chanel, a grandi scienziati come Rita Levi Montalcini o donne come Virginia Woolf. Da loro dobbiamo trarre esempio e ispirazione, soprattutto le giovani ragazze.

Il tuo cliente ideale…

 Amo le donne coraggiose e coraggiose che vogliono cambiare il mondo basando le loro idee in modo sostenibile, facendo soldi. C’è bisogno di ridisegnare il mondo e le donne possono essere una potente avanguardia e il loro contributo è fondamentale per costruire un Nuovo Umanesimo. Ed è quello che stiamo per fare

Il tuo vero cliente 

Lavoro con startup e giovani ma anche con donne mature che, come me, e a 50 anni, si sono messe in discussione e hanno cercato di mettere talento e competenze ed esperienze al servizio di un mondo migliore. Alla fine, i clienti ideali e reali stanno convergendo e questo è un bene. Dopo tutto, è l’obiettivo dei miei corsi di mentoring, e funziona.

Progetti nel prossimo futuro 

Voglio aiutare le imprenditrici e le imprenditrici a pianificare la loro attività mettendo la persona al centro. Chi è il loro cliente ideale, ma che sono anche i primi. L’approccio progettuale va in questa direzione: pensare a un prodotto o a un servizio come la soluzione a un problema, come qualcosa che può migliorare la vita delle persone o la loro percezione di se stessi. In questo modo, lo sviluppo del business segue naturalmente e soprattutto facciamo il miglior uso delle risorse che abbiamo a disposizione: tempo, energia e denaro. Ti mette anche nelle migliori condizioni per andare a cercare i soldi di cui hai bisogno e cosa c’è.

Il tuo sogno è 

diffondere il più possibile questo metodo che è soprattutto un tema di mentalità, di approccio al modo di fare impresa. Dopotutto, come dice Luisa Carrada, il design è ovunque perché tutto può essere progettato: un oggetto, un servizio, un luogo, la vita di una comunità, una vita professionale. Un nuovo modo di fare impresa per un nuovo umanesimo e un mondo più sostenibile ed etico. Sono sicuro che sia possibile e voglio dare il mio contributo.

Grazie a 

a te! A parte il piacere di essere ospitati nel tuo blog appena nato (e gli inizi, sai, hanno un sapore speciale), ti ringrazio per la tua amicizia e per essere così simile a me ma allo stesso tempo diverso. Per darmi l’opportunità di far parte di un progetto che credo molto, il vostro, il portatore di valori di bellezza non solo estetico, ma in realtà buono. Di arti e mestieri che sono l’eredità del nostro paese e che stiamo stupidamente rischiando di perdere e che si sta portando avanti con coraggio, determinazione e grande professionalità. Le vostre coperte sono un’esperienza di straordinaria qualità, di piacere e di grande emozione. Tutti dovrebbero averne uno se si amano e sanno apprezzare la qualità e l’arte.

Cosa vorresti buttare in… 

ogni forma di volgarità, esclusione, anzi male, sfruttamento delle debolezze e fragilità altrui, manipolazione, autoreferenzialità, ipocrisia. Bandirei la parola colpa dal vocabolario e poi non sopporterei chi si lamenta e non fa nulla per cambiare.

Crede in 

un ordine superiore, che siamo tutti connessi e parte della stessa energia, che siamo tutti creatori. Come dice Jodorowsky, la Verità non è accessibile a noi umani se non per quella luce riflessa che si chiama Bellezza. E per fortuna che il nostro mondo, il nostro paese in particolare, ne è portatore in quantità industriali.

Tu speri che 

ognuno troverà il coraggio di “uscire” dai propri sogni come ho fatto io e che si attrezzeranno per realizzarli, senza paura di commettere errori, dandosi il permesso di sperimentare.

Le parole che ti ispirano 

libertà, sostenibilità, tenacia, apertura, indipendenza, audacia, memoria, valore, progresso, uguaglianza, passione.

Un sorriso a 

tutti i giovani del mondo che tengono il nostro futuro nelle loro mani, specialmente alle ragazze e alle loro madri. Una grande sfida ci attende, ma che entusiasmo e che bella emozione!

https://manuelalombardiborgia.it/
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.