Architetto interior designer

Dettagli…

La tua nuova ‘avventura’? A che cosa ti sei ispirata?

Per me progettare oggetti e interni è un gesto naturale. Sono una persona molto curiosa e mi piace osservare attentamente tutto quello che mi circonda nelle mie passeggiate in giro per la città. Amo muovermi liberamente, coltivare i miei interessi e scegliere per ogni progetto qualcosa di speciale.

Le motivazioni per esserti avvicinata a questo ‘mondo’ con l’interesse e la determinazione di creare una realtà particolare

Ho sempre amato lo spazio interno e le sue storie. L’atmosfera delle vecchie case piene di dettagli e ricordi mi affascina. E considero lo spazio minuto della vita quotidiana uno dei più importanti e complessi da progettare. L’arredamento non è qualcosa di frivolo, ma la parte dello spazio con cui costruiamo il rapporto più stretto. Le parole di Andrea Branzi ed Ettore Sottsass hanno completamente plasmato il mio approccio.

Elementi essenziali ed elementi importanti che contraddistinguono il tuo lavoro?

Mi piace combinare il nuovo e l’antico. Ogni progetto è sempre una ricerca: dallo studio dello spazio, alle piccole cose quotidiane, cerco sempre di arrivare a quella soluzione semplice, ma speciale, che sappia accogliere la vita di tutti i giorni e lo scorrere del tempo.

Alcuni  aspetti della tua esperienza fatta di preziosità e piccole cose

Se posso, esco e mi prendo il tempo per arricchire la giornata con piccole cose belle: dalla qualità della ceramica in cui bere il caffè mattutino (deve essere anche buono ovviamente!), alla pavimentazione di una piccola strada, presa per sbaglio. Se invece non ho tempo, scandisco la giornata con rituali domestici brevi ma intensi. Tutto questo mi serve per mettere più energia nel progetto!

Il colore e’ fondamentale per?

Dare calore e vibrazione a uno spazio, per ribaltare l’atmosfera di un ambiente.

A quale non potresti rinunciare…

Non saprei dirti un colore solo, ma una combinazione. Di certo il rosa carne e il rosso lampone, con qualche dettaglio di blu Navy.

Quale invece non sopporti …

I mix desaturati o il tutto bianco.

Sei un fan di …(design, arte, personaggi femminili) …

Amo le persone rigorose, ma che non si prendono troppo sul serio.

Il tuo cliente ideale…

Maria Antonietta

Il tuo cliente reale…

le persone che incontro a cui cerco di trasmettere la mia passione.

Progetti nel prossimo futuro…

un lungo viaggio in Oriente

Un tuo sogno e’…

mi piacerebbe avere uno studio-laboratorio, che sia anche un po’ spazio espositivo dei pezzi che disegno, e un po’ casa. Già adesso casa mia è un piccolo laboratorio di 60 mq dove sperimento le mie idee. È uno spazio a rotazione, cambio spesso arredi e finiture.

Un ringraziamento a…

Alla vita, al temperamento positivo che mi ha trasmesso la mia famiglia, a Milano che mi ispira ogni giorno con la sua idea di bellezza asciutta e ricercata.

Cosa butteresti nel…

I progetti iper-funzionali ma privi di poesia. Oppure i progetti troppo modaioli.

Credi in…

Bruno Munari. Da cosa nasce cosa.

Le parole che t’ispirano…

“La decorazione serve per mettere a nudo l’anima delle cose”, Nathalie du Pasquier

Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.